Il ne faut pas en vouloir aux journalistes indépendants…..

libertepresse.jpgY. Mérabet journaliste indépendant* pour « Algérie Politique » 

La scène se passe à New York, lors d’un banquet, le 25 septembre 1880. (çà ne date pas d’hier, n’est-ce pas ?) Le célèbre journaliste John Swinton s’énerve quand on propose de boire un toast à la liberté de la presse: « Quelle folie que de porter un toast à la Presse indépendante ! »

Vous le savez et je le sais. Il n’y en a pas un journaliste parmi nous qui oserait publier ses vraies opinions dans la presse algérienne, si vous le faisiez, vous savez d’avance qu’elles ne seraient jamais imprimées. Un journaliste est payé pour garder les vraies opinions en dehors du journal pour lequel il travaille. D’autres parmi nous sont payés pour un travail similaire. Si j’autorisais la publication d’une bonne opinion dans un simple numéro de mon journal, je perdrais mon emploi en moins de 24 heures et je risquerais la prison, me disait un directeur d’un grand journal ?

La fonction d’un journaliste est-elle de détruire la vérité, de mentir radicalement, de pervertir le faits, d’avilir, et de se vendre lui-même, de vendre son pays pour son pain quotidien ou ce qui revient au même, son salaire ? Et, nos confrères d’Al-Djaazira et d’Al-Arabya sont dans la marge. Nous sommes les outils et les vassaux d’hommes riches qui commandent derrière la scène. Nous sommes leurs marionnettes. Ils tirent sur les ficelles et nous dansons. Notre temps, nos talents, nos possibilités et nos vies sont la propriété de ces hommes. Un journaliste de trop, qui parle de trop et trop vite, a des chances, soit d’être mis à la porte de son journal, soit d’être “traîné” en justice. Oserai-je encore dire que: «Le premier métier d’un journaliste est de se taire. Le deuxième est de mentir».

* (Algérian Society For International Relations)

Commentaires

  1. abdellah dit :

    un journanlist qui n’a pas la liberté d’esexrecer pleinement son talent n’est coupable de rien! je pense qu’il peut avoir la conscience tranquille. mais un journalistequi; par exces de zele s’engage dans le beni oui-ouisme est inacceptable!!!! pendant des années,que dis-je? des decennies pendant lesquelles le pouvoir jouait sa musique des journalistes l’ont accompagné à la guitare…. quelle mouche les a piqués??? anisi dans leur colonnes on a lu par exemple: que chadli a demissioné; que matoub lounes a eté assassiné par les islamistes! que leila aslaoui a demissionné alors qu’elle a eté chassée du gouvernement pour avoir fait une bourde avec la telé française que zeroual a demissionné alors qu’il a eté piégé par bouteflika etc…. on a vu aussi qu’un denommé ammi ahmed chef des cns a eté applaudi et veneré par les journalistes apres avoir tabassé de hautes personnalités (entre autres ahmed taleb ibrahimi)dans la rue….stop: on a vu aussi des journalistes français jugés par un tribunal lors de l’affaire dreyfus! n’est-ce pas là une jurisprudence????

  2. Bruno de l'union européenne dit :

    Risposta per quanto riguarda “Ostaggi Niger • la Francia vuole venire in contatto con AQIM”

    1
    Ibrahima :
    11 Mar 2011 A 9:28 Un anno di reclusione imposta dalle autorità algerine all’autore di questo articolo. O è la democrazia in Algeria? (1 AN DE PRISON FERME POUR L’AUTEUR DE CET ARTICLE)
    Un giornalista algerina giustifica il rapimento dei francesi in Niger
    Pubblicato da Jean-Pierre Ndongo 18 Settembre 2010 nella categoria Algeria | 1 Commento
    In risposta all’articolo « lo spettro di Al Qaeda sulla presa di ostaggi in Niger »., Giornalista algerina y Mérabet giustifica questo atto vile. Rapiti, cinque francesi, un Madagascar e un Togolese, sono dipendenti di aziende francesi di Areva e Satom.
    Ecco la risposta inviata da y. Mérabet, giornalista indipendente Algeria :
    « Forze armate » del Niger, quella materia 12000 gli uomini, sono guidate da « Consiglieri militari francesi ».. Addestrato e finanziato dalla Francia, essi proteggono tutte le strade geo-strategiche e miniere. Le due più importanti miniere del Niger si trovano sul territorio dei Tuareg sono controllate dalla società francese paramilitari « areva »., un impero dominante nel nucleare, guidato direttamente dal Palazzo dell’Eliseo, attraverso l’azionista, la « Corte dei conti »., la proprietà di Francia.
    Presente in 43 paese, compreso l’Iraq, l’Iran e il Libia, Niger, che le esportazioni ora 7,7% mondo « uranio » e presto 15% con l’apertura della miniera « imoumaren »., è costantemente tra i primi cinque esportatori con il Canada, l’Australia, il Kazakistan e la sua produzione è allo stesso livello di quella della Russia. Niger ha in gran parte fornisce il suo Signore ex coloniale, la Francia, uranio, e continua a farlo . Forniture richieste dal programma nucleare civile e militare dell’esagono e Israele, Gran parte di questo minerale viene deviata per il Libia e in alcuni paesi ribelle del TNP »".. Coinvolti in tutti gli aspetti della catena delle materie prime, estrazione per arricchimento, propulsione, riciclaggio e smantellamento, con un fatturato di 16,16 Miliardi di euro, il potente economia francese di « areva » è presente anche in quel momento vector paramilitare nel Sahel, ma anche in intelligenza e sequestro di ostaggi, lo stato francese è dietro tutti i tentativi di destabilizzazione dei paesi africani presunti sta sotto la sua influenza.
    Attualmente gestisce la Francia 10 000 soldati specializzati nel continente africano per proteggere la sua fornitura di uranio, basata principalmente a Libreville in Gabon, conosciuto anche come il « Foccartland ».. Di 1997 A 2009, la Francia intervenne militarmente 46 tempi e, talvolta, al massacro delle popolazioni africane (il genocidio di Tutsi). Su questi incidenti, 28 ha avuto luogo senza riferimento alle « Nazioni Unite ».
    Françafrique politica continua ulteriormente sotto Sarkozy, di autofinanziamento dei gruppi terroristici in Niger e la gestione dell’ostaggio degli affari. La Francia ha creato una seconda « Guantanamo » a Niamey per « Al-Qaeda » nel Maghreb, facendo libero dei terroristi sotto mandato internazionale, la Francia pongono ostacoli alla lotta contro il terrorismo internazionale, negozia e rilascia l’arma del terrorismo e li invia al Maghreb arabo per mantenere una certa tensione politica favorevole, dagli atti criminali contro la popolazione civile.
    Il 11 Settembre con un falso Osama bin Laden, inventato da « CIA »., Questa data è stato un terreno per una nuova forma di colonizzazione del recelèrent di risorse di energia nei paesi sviluppati. Miniere di uranio, scoperte nel Congo, Gabon e Niger hanno permesso la Francia bypassare la difficoltà di accesso all’uranio in Uzbekistan, in Canada e in Australia, aree raccolti come con tendenze filoamericani e gestito dagli Stati Uniti, rivale della Francia in Africa e altrove. La condivisione del mondo nella zona di influenza in disputa della sua globalizzazione è che gran parte dell’Africa è dominato dalla Francia. Economicamente la presenza francese in Africa, è rivalisée da deterrente nucleare di Cina e membro permanente del Consiglio di sicurezza a « Delle Nazioni Unite »., assetato di risorse, la presenza in rapida espansione nel continente africano, con più di 24 miliardi in prestiti dal 2003, principalmente garantita dalle risorse.
    La presenza francese in Africa è sfidata dall’africano popolazione è anche visto come una minaccia agli interessi francesi. Le miniere del Niger, Metropolitana e buca aperta, gestito da società controllate di « areva »., come « cominak » e « somair »., rispettare tra 75 e 90% delle entrate nazionali. Scorte di « uranio » per « imoumaren »., Si prevede che esse producono 5000 tonnellate all’anno, sono stati che oggetto di un contratto firmato nel mese di gennaio 2009 tra « areva » e il governo di Mamadou Tandja, e per 40 anni. Ci si aspetta che inizia la produzione in 2012 Dopo un investimento di 1,2 Miliardi di euro. « Uranio » fornito il Niger 80% energia elettrica consumata in Francia, energicamente la Francia è dipendente sul Niger.
    FRANCIA NEL SUO ORME IN AFRICA, UNA MALEDIZIONE CHE CADE DAL CIELO. Il popolo africano deve sapere che la colonizzazione fu il successore di schiavitù. Ha dato modo per il neo-colonialismo. L’Algeria come il Niger e il resto degli insediamenti francesi conquistato dalla metropoli, dominato, occupata, somministrato con la forza e il loro sfruttamento era feroce e barbaro. L’idea di denigrazione dell’africano nel selvaggio uomo bianco porta nel suo bagaglio civiltà è perniciosa da quello che lei sta cercando di nascondere il vero scopo del colonizzatore, Non era civiltà che ha fatto, ma l’alienazione. Sostanziali lavori è stato fatto per convincere gli africani che avevano no cultura o quando era una lei era povera e ha dovuto rinunciarvi e ‘ cantante bianco. Il saccheggio delle ricchezze del suolo e al piano interrato che è iniziata con la complicità di « sofisticate indigeno » ieri e oggi continua con quella dei nostri leader attuale. È il « Françafrique » che sta vivendo la Francia. Senza le sue colonie, la Francia non sarebbe il potere che è oggi. La perdita del suo potere che restituisce questa volta sopra senza popoli di resistenza, ma con il consenso dei governi corrotti.
    Con l’indipendenza dei paesi africani, la Francia è fuori dalla porta e andò in Africa casa vicino alla finestra del colonialismo neo che permette di pagare il prezzo ridicolmente olio dal Golfo di Guinea (Per favore si al caso « elfo » è edificante), bauxite e « uranio » in Niger, vedere « areva »… A partire da la Francia ucciso i nostri leader nazionalista integrità : Olympio, UM Nyobè, Moumié, (come i belgi ucciso Lumumba). I minerali sono stati il risultato di saccheggio, nessuna considerazione è stato pagato alle popolazioni. La regola era di lavoro forzato, per il taglio di legno, la cultura del cacao, caffè, Tea, in gomma. Il fatto che cosa usato strade e ferrovie, di neri in epoca coloniale ? Essi erano automobili, che ha voluto il trasporto ? Se per servire i coloni delle terre lontane dell’Africa, più risorse, frutti di saccheggi e li invia ai contatori coloniali di infine essere evacuati per la Francia.
    Se la Francia ha per onorare che un debito è dovuto a tutti questi lavoratori forzati africani sono caduti di fronte il saccheggio delle ricchezze dell’Africa per il potere della Francia.È anche debito contattato del saccheggio delle ricchezze dell’Africa come spiegano che nessun insediamento della Francia ex o sviluppo di Exit Sub.Scuse tornerà in Francia a riconoscere il « genocidio » di (1,5) un milione e mezzo di algerini e centinaia di migliaia di case distrutte per sempre, per non parlare di milioni di persone traumatizzati dalla tortura . Nel frattempo si alza il giorno, « françafrique » continua il saccheggio selvaggio, iniziato da colonizzazione. Anche la relazione « criirad » è stato selvaggio sfruttamento delle miniere di uranio in Niger con diversi reperti, tra cui il 20 milioni di tonnellate di roccia « uranio » polverizzato, cancerogeni e radioattivi, memorizzato all’aperto, materiale radioattivo, che ha gettato l’azienda e che ha venduto sul mercato attraverso karting, che spesso ha portato nelle città del sud dell’Algeria « Suk », in Mali e Mauritania contaminare il loro acquirenti.
    Come questa relazione è che le emissioni del tossico gas da mine « cominak » e il funzionamento delle acque sotterranee da fonti non rinnovato, per non parlare di contaminazione delle fonti d’acqua, la violazione di norme internazionali per la protezione contro le radiazioni, tra gli altri. « Quando abbiamo informato la stampa dei nostri risultati. », + AREVA + ha organizzato un viaggio ai media in Niger, ha noleggiato un aereo per portare il 30 i giornalisti, ma senza il contatore Geiger o nessun mezzo per valutare il grado di radiazione. Essi (giornalisti) « potrebbero essere ritenuti su roccia radioattivo trovato sulle strade e non lo so. », ha dichiarato Chareyon. È anche emerso che un laboratorio con il quale il contratto multinazionale esaurito per misurare la radiazione ha respinto le istruzioni della società.
    « areva » sostiene che solo il governo del Niger è responsabile per i sistemi di regolamenti (Khadija Sharife indipendente giornalista e scrittore.) Manipolato da questo intelligence francese all’interno del governo e dell’amministrazione nigeriano, in Niger esiste Sarkozy che decide la vita quotidiana dei nigeriani e scene politici tra cui avvisi dal rilascio dei prigionieri terroristi algerini di Niamey nel violare la sovranità di questo paese e negoziati con ostaggio ogni mondo di acquirenti di angolo.
    Colonia francese del Niger nel senso proprio della parola e la sua rappresentazione diplomatica in tutte le capitali del mondo non ha alcun valore punto, perché tutto deve passare attraverso l’ambasciata di Francia, quindi o è la sovranità di questo paese ? Il « movimento di giustizia Niger », Attivo dal 2007 guidato da un ex funzionario della forze armate del Niger, guidati dai servizi di intelligence francese, una sua forza lavoro un grande partito di bordo libero di uomini touarègues inter ,Gran parte dell’annualità uranio con il pretesto di protezione contro il degrado ambientale e l’accesso alle risorse come l’acqua, servizi igienici, dell’istruzione e dell’elettricità sono diritti costituzionali. Questo movimento incorniciato dall’esercito francese esercita una pressione costante sul governo del Niger e paesi limitrofi a utilizzare la miniera di uranio « Arlit..
    La Francia attraverso il sua « ONG » regolato la politica nazionale, Gioca con i diritti umani e il senso di carità verso il popolo africano per il solo scopo di afferrare la loro ricchezza naturale, non sono res aut per assicurare il destino dei loro figli. Ci rimane solo la ricchezza del seminterrato per vivere alcune migliaia di nigeriani, tutto è scomparso :Fauna selvatica , la foresta e l’acqua rimane t – per la popolazione di vivere ? È vero che oggi ‘ hui, il Niger non ha accesso all’uranio inferiore estratta entro i suoi confini : il 100% energia elettrica (225 milioni di kWh) provengono da energia fossile è in gran parte importato dalla Nigeria confinante. Tuttavia la Francia è ben consapevole della situazione e la sua parte di responsabilità è impegnato.
    Il ritorno della Francia nei suoi passi in Africa è una maledizione per l’africano del Sahara, che comprende 11 paese, copertine 80% terra del fiume Niger, uno dei paesi più poveri del pianeta per il sottosuolo ricco, caratterizzata da povertà, la carestia, siccità e dittature. Più di 60% della sua popolazione vive nella cintura di povertà, accesso privato al cibo, all’acqua, servizi igienici, infrastrutture e formazione. Aspettativa di vita è 43 anni e la maggior parte dei suoi cittadini, tra cui 71% le donne, sono analfabeti. Solo 3% bilancio dello stato è allocato all’educazione, Mentre più di 50% finanza per lo sviluppo sarà al servizio di un debito odioso di pagare.
    La cancellazione del debito, « dopo che il Niger è stato trovato ammissibili dal »FMI »per i paesi poveri fortemente indebitati iniziativa », ha richiesto una massiccia privatizzazione delle imprese statali nigeriane e fornito assistenza parziale. Nondimeno, in 2007, i direttori « IMF » sentivo che l’onere del debito nazionale rimasta troppo elevato e questo, Nonostante la « cura » di aggiustamento strutturale. « FMI » aveva suggerito al governo di vendere le proprie risorse minerali per pagare il suo debito alle banche vicine.
    Fino ad ora, È impossibile cittadini francesi e società civile per ottenere il contenuto di questi « accordi segreti » relative all’accesso e il controllo delle risorse in Niger. Si tratta di « confidenziale »., ha detto Sebastein Alzerreca dei « ONG » francesi « sopravvivenza ».. Ma egli ha avvertito : « Se la diplomazia ha esito negativo., « sempre possono inviare l’esercito » no uranio »dubbio » autostrada si rivelerà utile.
    Fin dal giorno dell’indipendenza del Niger, Hamani Diori del Niger e il suo partito politico, il « Partito Progressista del Niger » (PPP) », indirettamente scelto dalla Francia, regnò sul paese, non appena aiutato come 1963 apertamente da vari interventi o azioni segrete. Grazie ad accordi segreti militari, Soldati francesi, con sede a Niamey ha lavorato con esso per eliminare ed esilio dell’opposizione, come ad esempio « Nigeriano Unione democratica ». Hamani Diori è presentato alle elezioni, senza obiezione, in 1965 e in 1970 ma fatti il fatale errore di chiedere il ritiro delle truppe francesi nei primi 1970.
    La Francia ha fatto, e allora non sorprende un colpo di stato militare portò al potere il colonnello Seyni Kountche potere. Kountche è stato ucciso in 1987 e gli successe il colonnello Ali Saibou. Mamadou Tanga selezionato dalla Francia per condurre i propri interessi nel Niger e spogliato della carica di Presidente del nt della Repubblica hanno lo scopo di risolvere il contratto per l’acquisizione del colosso minerario di « uranio » per « imoumaren »., e l’adeguamento del prezzo del minerale estratto dalla miniera di « Arlit.. Gli Stati Uniti fece arrabbiare per mano della Francia sulla regione il 40% giacimenti di uranio e l’Algeria ha rifiutato di consentire a noi le loro forze per installare una posizione di osservazione e di intervento all’estremo, sotto la « lotta contro il terrorismo » mobile dà il suo accordo ai paesi confinanti affinché anche loro difesa in caso di un eccesso di avidità.
    Nella parte inferiore, come abbiamo detto bene in nostri precedenti articoli firmarono y. Mérabet miniera della « Realtà » è stato consegnato dalla Francia per il traffico della « pasta gialla » o primaria concentrato di uranio »" che sta alla base della produzione di armi nucleari impoverite che cadde nelle mani dei terroristi. Non dimentichiamo inoltre che grandi quantità di « pasta gialla » gestita dai Agades erano deviato il Libia e la Francia per alimentare il mercato nero. L’ultima conferenza di Washington sulla sicurezza nucleare fu essenzialmente concentrato rischio che arricchito uranio dal cadere nelle mani dei terroristi, Credo che gli Stati Uniti ritenute sulla presa di posizione di « lotta contro il terrorismo internazionale » e fu la prima vittima, e « AIEA » un’istanza delle Nazioni Unite hanno lasciato la Francia troppo fare. « uranio » originariamente era stata scoperta nel Niger in 1957 da data mining di ufficio e di l del mare in aggiunta Francia, un anno prima della creazione della Repubblica del Niger, in 1958.
    Questo seguito un ampio studio condotto da « atomic energy Commission » (ECA) « della Francia, che iniziò nel 1956 e ha portato a molte scoperte alla vigilia dell’indipendenza del 1960. Decolonizzazione successo in Africa dalla Francia, ha condotto gli accordi militari segreti e sulle risorse, così come zone speciali monetarie. Questi accordi imbriquaient gli interessi della Francia con quelli di indigeni che disciplinano attentamente selezionato come Gabon e Togo – Omar Bongo e Gnassingbé Eyadéma – due leader per la vita, la morte di rilascio selettiva, e Félix Houphouët-Boigny in Costa d’Avorio. Così, non solo la Francia aveva accesso preferenziale alle risorse strategiche, il 0présence di basi militari francesi, ex-colonie furono legittimato, entrambi utilizzati per sostenere il Regno dei dittatori pur mantenendoli sotto controllo. Da 1969, 27 gli accordi sono stati firmati da ex-colonie, compreso il Niger.
    Interessi francesi sono stati serviti dalla postcolonial politica africana della Francia, conosciuta come la Françafrique, che coinvolti i livelli della politica e diplomatica Elysée fin dai tempi di Charles De Gaulle. Questa politica ha coinvolto la lobby di intelligenza e multinazionali intimamente connesse con lo stato, come « elfo » e « areva »., Dittatori di fabbricazione francese e le reti di ombra designato come la personalità che volle onore, come Jacques Foccart, il principale consigliere Africa De Gaulle fu richiamato, Dopo il suo ritiro all’età de81 anni, dal Presidente Jacques Chirac, così che esso riprende le attività. Chirac, lui stesso ha detto, nei primi anni 1990, che il continente « non era pronto per la democrazia. ». Quando gli è stato chiesto di descrivere il ruolo di Foccart in « françafrique »., il vice primo ministro di Charles De Gaulle P, Louis Joxe, ha detto che « essere la Tata dei presidenti e garantire che i funzionari africani saranno pagati alla fine del mese »..
    Addestrato dal dipartimento di stato, la difesa e il Consiglio nazionale del dipartimento americano di sicurezza, creazione di piattaforme di narcotici, implicazioni delle forze armate di governo nei programmi di indottrinamento ideologico militare, istituzione delle dittature militari. Aprire gli occhi e guardare Africa occidentale, che vediamo, altrimenti presidenti per la vita (Moubarek, Gheddafi,Zine El-Abidine Ben Ali), colpi di stato (Niger, Guinea), insediamenti di basi militari (Senegal, Costa d’Avorio), creazioni delle case terroristiche (Algeria, Mauritania, Maroc, Niger, Mali, NigNiger, la proliferazione del « narco – trafficoMaroccot; ( Maroc, Sierra Leone, Guinea Bissau), l’espropriazione della ricchezza delle multinazionali, ecc. Che cosa sta accadendo in Niger è un caso di scuola. Poi include la forte protesta dell’Algeria quel tempo qui vede un sacco di movimenti dell’amministrazione francese nella regione. [FINE]
    Tags: caso, Air, AREVA, Australia, Automatico, legno, cacao, Canada, Chareyon, Costanza, contratto, CRIIRAD, cultura, metà un, sviluppo, legge, acqua, emissione, Impero, Stato, scusa, fatto, ferro, gas, genocidio, installazione, Iraq, Iran, Kazakhstan, Media, militare, mille, milioni, monde, Mondo, movimento, Niger, Niger, Black, Nyobè, paramilitari, paese, propulsione, radiazione, relazione, i ribelli, Intelligence, Roche, Sarkozy, Signore, Sharife, Souk, spettro, Sistema, titolo, NPT, Fallen, uranio, Città, viaggi
    Jean-Pierre Ndongo
    Leggi gli altri articoli di Jean-Pierre Ndongo ?

    Boite libre
    Bruno Lagarde (Belgium E.U)

  3. Moussa dit :

    Article censuré par la presse francophone algérienne

    The death of an African giant

    Par: Y. Mérabet
    En outre, contrairement à ce que pensent aujourd’hui de nombreux libyens, la chute de Kadhafi profite à tout le monde sauf à eux. Car, dans une Afrique où les pays de la zone subsaharienne riche en ressources minérales tournaient complètement le dos à la France pour aller vers la Chine, il fallait bien que monsieur Sarkozy trouve un autre terrain fertile pour son pays. La France n’arrive plus à vendre ses produits manufacturés ou de décrocher un marché en Afrique, elle risque de devenir un PSD C’est pour cela que l’on a vu une France prête à tout pour renverser ou assassiner Kadhafi ; surtout quand l’on sait que la Libye est l’une des premières réserves en Hydrocarbures d’Afrique et de Sebha est la capitale mondiale du trafic Franco-libyen de concentré d’uranium Nigérien. Egalement, l’on sait que jusqu’ici, les populations libyennes n’avaient rien à envier aux Français, ils vivaient richement mieux sans se suer. Puisque Kadhafi faisait tout son possible pour les mettre à l’abri du besoin. Il est donc temps pour les libyens de choisir pleinement futur partenaire occidental. Car si en cinquante ans de coopération la France n’a pu rien apporter à l’Afrique subsaharienne. Vat-elle apporter maintenant aux libyens un bonheur supérieur à celui que leur donnait leur Guide. Rien à offrir à ces ignorants de libyens, sauf des repas communs dans les poubelles de la ville Paris, en France c’est déjà la famine? . Lui, qui durant plusieurs décennies était l’un des faiseurs d’hommes les plus efficaces sur le continent Africain. De son existence, Kadhafi était le leader le plus généreux d’Afrique. Pas un seul pays africain ne peut nier aujourd’hui n’avoir jamais gouté un seul pétro –Dinar du guide Libyen. Aveuglement, et motivé par son projet des Etats-Unis d’Afrique, Kadhafi de son existence a partagé l’argent du pétrole libyen avec de nombreux pays africains, qu’ils soient Francophones, Anglophones ou Lusophones. Au sein même de l’union Africaine, le roi des rois d’Afrique s’était presque érigé en un bailleur de fond très généreux. Jusqu’à l’heure actuelle, il existe sur le continent de nombreux présidents qui ont été portés au pouvoir par Kadhafi. Mais, curieusement, même pas un seul de ces élèves de Kadhafi n’a jusqu’ici eu le courage de lui rendre le moindre hommage.Au lendemain du vote de la résolution 1973 du conseil de sécurité de l’ONU, certains pays membres de l’union africaine sous l’impulsion de Jacob Zuma ont tenté d’apporter un léger soutien au guide libyen. Un soutien qui finalement s’est éteint totalement sans que l’on ne sache pourquoi. Même l’union africaine qui au départ conditionnait avec amertume la prise du pouvoir libyen par un groupe de terroristes et la reconnaissance du CNT libyen constitués de traitres, s’est finalement rétracté de façon inexplicable. Et curieusement, jusqu’aujourd’hui, aucun gouvernement consensuel n’a été formé en Libye. Depuis l’annonce de l’assassinat de Mouammar Kadhafi, cette union africaine dont Mouammar Kadhafi était pourtant l’un des principaux défenseurs et ayant assuré le dernier mandat, n’a encore délivré aucun message officiel de condoléance à ses proches ou de regret. Egalement, même ceux qui hier tentaient de le soutenir n’ont pas eu le moindre courage de lever leur petit doigt pour rendre hommage à leur mentor. Jusqu’à l’heure actuel, seul l’ancien archevêque sud-africain et prix Nobel de paix Desmond TUTU a regretté cet acte ignoble. Même le président Abdoulaye Wade que l’on sait pourtant proche des révoltés libyens n’a pas encore salué la mort de l’homme qu’il souhaitait tant. Le lendemain de sa mort, un vendredi pas un musulman n’a prié pour lui ?.. A ce jour, sur le continent Africain, seul l’homme de la rue et les medias ont le courage de parler de cette assassina crapuleux du guide libyen. Mais, cette attitude des dirigeants africains ne surprend personne, dans la mesure où l’on sait que chaque président a peur de se faire remarquer par un Nicolas Sarkozy qui est capable de tout si la tête d’un président africain ou d’un arabe l’énerve.
    Conclusion La Libye et l’Afrique toute entière viennent de tourner une page d’or avec la perte de Mouammar Kadhafi. . Traitre et maudit que je sois, si j’étais un libyen?
    Journaliste indépendant Asfir/CAN

Laisser un commentaire

FRONT NATIONAL - Bouches-du... |
Mouvement des Jeunes Social... |
15ème circonscription du No... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Sagvar, le Roman Noir de la...
| Sarkophage
| UES - Claude WEBER